Condividi l'articolo su:

Massima

L’omessa diagnosi delle malformazioni del feto determina la lesione del diritto all’autodeterminazione procreativa della gestante consistente:

  1. nella opportunità di valutare se interrompere o meno la gravidanza:
  2. altresì nella possibilità di prepararsi, psicologicamente e materialmente, alla nascita di un bambino affetto da gravi patologie e pertanto necessitante di particolare accudimento.

Incorre in responsabilità civile l’azienda ospedaliera o il medico che, avendo colposamente omesso la diagnosi delle malformazioni del feto, abbiano leso il diritto all’autodeterminazione procreativa della gestante, anche nell’ipotesi in cui dovesse essere successivamente accertato che quest’ultima, ove correttamente informata, non avrebbe comunque interrotto la gravidanza.

Il caso

Due coniugi agivano in giudizio nei confronti della struttura sanitaria per ottenere il risarcimento del danno derivante dalla omessa diagnosi della patologia congenita sofferta dalla loro figlia.

Per quello che qui interessa gli attori lamentavano la violazione del diritto all’autodeterminazione.

I giudici di merito rilevavano che la gestante non aveva provato che, qualora fosse stata informata delle gravi patologie del feto, avrebbe manifestato la volontà di ricorrere all’interruzione della gravidanza e, inoltre, che gli attori non avevano provato la ricorrenza delle condizioni legittimanti l’interruzione volontaria della gravidanza.

In particolare, la Corte d’Appello richiamava, a sostegno della propria decisione, la sentenza della Cassazione Civile, Sezioni Unite, 22 dicembre 2015 n. 25767 che avevano affermato che non si possa presumere che la gestante scelga sempre di interrompere la gravidanza ove informata delle gravi malformazioni del feto e che incombe sulla madre, quindi, l’onere di provare che avrebbe esercitato la facoltà d’interrompere la gravidanza – ricorrendone le condizioni di legge – ove fosse stata tempestivamente informata dell’anomalia fetale.

La questione

La Cassazione torna ad affrontare il tema del risarcimento conseguente alla omessa diagnosi di malformazioni fetali: è necessario fornire la prova della volontà abortiva della madre, ove fosse stata correttamente informata della presenza di malformazioni, oppure non è richiesta la prova della volontà abortiva potendo essere tutelato anche il diritto alla autodeterminazione procreativa, consistente nella necessità di prepararsi psicologicamente e materialmente alla nascita di un bambino affetto da patologie?

Le soluzioni giuridiche

Con la sentenza oggetto di commento, la Suprema Corte riconosce il risarcimento in favore della madre a prescindere dalla prova della volontà abortiva, tutelando così il diritto alla autodeterminazione procreativa, ovvero la possibilità di scegliere di non abortire e di prepararsi, psicologicamente e materialmente, alla nascita di un bambino affetto da gravi patologie.

Osservazioni

Con la sentenza oggetto di commento la Cassazione afferma invece che, in caso di omessa diagnosi di malformazione fetale, l’indagine del giudice di merito non debba essere incentrata solo sull’omesso esercizio del diritto alla interruzione di gravidanza, ma anche sul pregiudizio al diritto alla autodeterminazione procreativa dei futuri genitori.

In questo senso, verrebbe meno il tema della “nascita indesiderata” perché il presupposto del diritto alla autodeterminazione procreativa è invece la scelta consapevole di portare avanti la gravidanza e di avere il tempo per prepararsi psicologicamente e materialmente, alla nascita di un bambino affetto da gravi patologie.

 

Avv. Emanuele Doria on FacebookAvv. Emanuele Doria on GoogleAvv. Emanuele Doria on InstagramAvv. Emanuele Doria on Linkedin
Avv. Emanuele Doria
Avv. Emanuele Doria
Avvocato
Avvocato. Laurea in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma. Scrive online su aggiornamenti e novità giurisprudenziali. Svolge assistenza e consulenza legale in materia di Diritto Civile, Diritto del Lavoro, Responsabilità ed Errore medico, Assicurazioni e Risarcimento Danni, Diritto di Famiglia (Separazioni, Divorzi), Recupero Crediti nella provincia di Frosinone, Fori di Cassino, Frosinone e Roma.
Ha maturato una particolare esperienza in materia di Risarcimento danni da incidenti stradali gravi e mortali nonchè in materia di Diritto Sanitario, Risarcimento danni per Malasanità ed Errore medico. Tutela le vittime di sinistri stradali, nonchè le vittime di malasanità, curando in prima persona i rapporti con le compagnie di assicurazione. Chiama per un appuntamento: +39 3288321751
Vai alla barra degli strumenti

Per offrirti un'esperienza di navigazione in linea con le tue preferenze, utilizziamo cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy e Cookies policy.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close